Un problema molto diffuso nell’ambulatorio del medico curante e in quello del chirurgo specialista.

L’ascesso nel nostro caso è una cavità ripiena di pus posta in prossimità dell’ano o del retto. La fistola perianale, quasi sempre la conseguenza di un ascesso, è un piccolo tunnel che connette una ghiandola del canale anale (orifizio interno e sede di origine dell’ascesso) con l’orifizio cutaneo esterno che si localizza in sede perianale.

Di solito la causa della formazione di un ascesso e della conseguente fistola perianale è un’infezione acuta di una piccola ghiandola posta sul fondo delle cripte del canale anale attraverso la quale i batteri penetrano nei tessuti circostanti.

A secondo della sede dell’ascesso e del decorso del tramite fistoloso e il suo rapporto con gli sfinteri (muscolo sfintere interno involontario e muscolo sfintere esterno volontario) possiamo classificare gli ascessi e le fistole conseguenti in vari tipi. Le fistole perianali vengono distinte in base al decorso del tramite e il rapporto con i muscoli sfinteriali, come nell’immagine:

I sintomi dell’ascesso sono quelli classici:
1) gonfiore,rossore e calore della pelle,
2) intenso dolore anale,anche notturno,
3) spesso modico rialzo termico febbrile.
4) talvolta difficoltà ad urinare.
La fistola si manifesta invece con una secrezione continua o intermittente di siero in sede perianale, che non tende a cicatrizzare.

Attualmente esistono indagini pre operatorie quali: l’ecografia endoanale con sonda rotante per la visualizzazione degli sfinteri e la manometria ano-rettale per misurare le pressioni ai vari livelli del canale anale che sono di notevole ausilio per scegliere la strategia operatoria, soprattutto nelle recidive e nelle forme fistolose complesse.

Sia nella fase acuta che in quella cronica il trattamento è esclusivamente chirurgico.

Nella fase ascessuale, consiste nel drenare la cavità con una incisione e svuotarla facendo seguire il tutto da medicazioni giornaliere con zaffaggio della cavità medesima.

Personalmente anche nella fase ascessuale, dove sono riuscito a localizzare l’orifizio interno o meglio il punto di partenza nell’interno dell’ano del processo suppurativo, ricorrendo ad una anestesia spinale a sella, oltre ad una pulizia accurata delle pareti del cavo ascessuale equivalente in questa fase alla fistulectomia , posiziono un doppio filo di seta transfinterico (con duplice legatura differenziata) fissato alla cute e zaffo con garza iodoformica la cavità messa a piatto. Con questa tecnica e le successive medicazioni, strigendo progressivamente i fili legati ottengo l’abolizione della fistola e risolvo in un solo tempo operatorio il processo morboso.

Non sempre in questa fase di acuzie è possibile localizzare l’orifizio interno e ci si limita allora al drenaggio e pulizia della cavità ascessuale, rinviando l’asportazione del tramite fistoloso ad un secondo tempo operatorio.

Quando l’affezione arriva all’osservazione del chirurgo nella fase della fistolizzazione post-ascessuale o in quella di recidiva, l’intervento, in anestesia spinale, consiste in una fistulectomia accurata con messa a piatto del tragitto fistoloso comprendente alcuni millimetri di tessuto sano circostante e posizionamento nel tratto terminale fino all’orifizio interno (che interessa le strutture sfinteriali), del cosiddetto setone che nella tecnica da me eseguita consiste in un duplice robusto filo di materiale i rriassorbibile o di seta con legatura calibrata.

Il trattamento post operatorio con medicazioni accurate giornaliere della superficie messa a piatto e la progressiva calibratura delle legature fino alla caduta spontanea dei fili, determinerà la completa abolizione del tramite conservando le funzioni sfinteriali.

I tempi tecnici della guarigione possono variare da caso a caso, ma il periodo dell’ospedalizzazione è breve e se la tecnica viene eseguita correttamente il soggetto operato può svolgere una vita di relazione sufficientemente accettabile.

CONTATTI:

Posta tradizionale: Via Del Greco 1, 65125 Pescara

Telefono fisso e Fax: 085414574 - Cellulare: 3393348357

E-mail:
Skype: My status

About these ads